Partite di calcio come grandi film

Il comune tifoso segue appassionatamente la propria squadra del cuore, gioisce per le vittorie e recrimina per le sconfitte. Una partita vinta è da ricordare, una persa da dimenticare. Questa è la regola. Eppure ci sono partite che restano impresse nella memoria per sempre a prescindere dal risultato, da chi ha vinto o perso, per le emozioni che lasciano anche nello spettatore neutrale. Partite come film capolavori della cinematografia mondiale, partite che sembrano romanzi, o grandi kolossal, o drammi struggenti, con attori protagonisti eccezionali che recitano in maniera straordinaria.

Italia-Brasile dei Mondiali 1982 è la prima partita che ricordo di aver visto in televisione. Avevo 6 anni e pensavo di assistere ad un film, perché troppo bella per essere vera. Ogni azione, ogni gol, sembrava uscire da un copione straordinario, e già capivo di assistere a qualcosa di storico, che avrebbe cambiato per sempre il mio modo di vedere una partita di calcio. Tre anni dopo, in una buia notte di dicembre, con mio papà e mio fratello assistemmo a Juventus-Argentinos Jr. per la Coppa Intercontinentale 1985, una partita thriller con continui risvolti e un lieto fine insperato. Fu un altro momento in cui, complice l’oscurità, pensai di essere al cinema e non davanti ad una partita di pallone. Da allora, di tanto in tanto, mi sono imbattuto in grandi partite che sono rimaste nella mia memoria, finché in occasione dei Mondiali di Italia’90 arrivò in casa un oggetto che stravolse la mia esistenza: il videoregistratore. La possibilità di registrare momenti, eventi ed emozioni, e poterli rivedere, rende queste gesta immortali, regalando allo spettatore la possibilità di rivivere le emozioni ogniqualvolta ne sentisse il bisogno. Ho iniziato così la mia raccolta di partite “indimenticabili” e ho scoperto sempre di più la mia passione nel rivederle, pur sapendone il risultato finale, apprezzando le giocate, i protagonisti e i risvolti difficilmente intuibili in presa diretta. La collezione a un certo punto mi è sembrata tristemente incompleta, non avendo alcuna cassetta di tutto quanto era accaduto nel calcio prima del 1990, quando iniziai la mia opera di rendere immortali le migliori partite. Leggendo e studiando la Storia del Calcio mi ero appassionato sempre di più alle epiche gesta di campioni come Di Stefano, Puskas, Pelé, Rivera, Cruijff, Maradona… e ho così iniziato una lunga e faticosa raccolta di partite “storiche” scoprendo episodi leggendari del calcio internazionale di cui non avevo mai sentito parlare, eppure semplicemente eccezionali. Questa mia rassegna non vuole essere una classifica delle partite più belle, anche perché il metro di valutazione di una partita può essere veramente molto soggettivo, ma invece un condividere con il lettore le emozioni di rivivere grandi partite come fossero grandi film, o concerti indimenticabili, con tutto l’entusiasmo e il trasporto di chi sta assistendo a qualcosa di magico. Ho cercato di selezionare le partite con un mio criterio, che ha come primo punto discriminante il possesso di questa partita nella mia personale collezione: tutte le partite recensite sono state da me viste interamente (o quanto sono riuscito a recuperare attraverso filmati d’epoca) più volte. Chiunque potrà trovare nella mia selezione delle mancanze anche clamorose, trovo normale che ognuno di noi abbia un suo metro di giudizio, spesso condizionato dal tifo e dalla nazionalità; ho cercato di valorizzare sia l’importanza storica dell’evento che le emozioni suscitate, la presenza di grandi gol e le migliori prestazioni dei grandi di tutti i tempi, ma anche le sorprese più clamorose che rendono il calcio il gioco più bello del mondo, proprio perché ogni risultato non è impossibile a prescindere dai valori in campo. Queste sono le mie partite di calcio leggendarie, e non saranno tutte condivisibili, ma ho provato a raccoglierle in ordine cronologico in modo da proporre una vera e propria carrellata storica basata sui momenti più importanti di questo sport. Per ogni partita ho riproposto il tabellino con le formazioni ed i miei voti ai giocatori e all’arbitro, oltre alla cronaca della partita sempre inquadrata nel suo contesto storico-sportivo in modo da fornire un quadro completo al lettore. Siamo quindi pronti a partire per un lungo viaggio nel tempo e nello spazio, dallo Stadio Maracanà di Rio de Janeiro, 16 luglio 1950, a centinaia di altri sorprendenti avvenimenti successivi.

Massimo Bellingardi

Football matches like great movies

The common fan passionately follows his favorite team, they rejoice at the victories and defeats for recrimination. A game is won to remember, to forget a lost. This is the rule. Yet there are games that remain etched in memory forever regardless of the outcome, those who won or lost, for the emotions that leave even the neutral spectator. Matches like masterpieces of world cinema films, novels that seem to match, or big blockbusters, or poignant dramas with outstanding actors who play characters in an extraordinary way.

Italy-Brazil World Cup 1982 is the first game that I remember seeing on television. I was 6 years old and I thought of watching a movie, because it was too good to be true. Every action, every goal, seemed to come from a great script, and already understood to witness something historical that would forever change the way I see a football game. Three years later, in a dark December night, with my dad and my brother witnessed a Juventus-Argentinos Jr. for the 1985 Intercontinental Cup, a game thriller with continuous implications and unexpected happy ending. It was another moment when, thanks darkness, I thought being at the cinema and not before a football game. Since then, from time to time, I ran into large lots that have remained in my memory, until the occasion of World Italia’90 came home an object that stravolse my existence: the VCR. The ability to record times, events and emotions, and enjoy them, makes them immortal deeds, giving the viewer the chance to relive the excitement whenever they feel the need. So I began my collection of games, “unforgettable” and I discovered more and more my passion to see them again, even knowing how the final result, appreciating the plays, actors and implications in direct hardly be guessed. The collection at one point seemed woefully incomplete, having no box at all that had happened in football before 1990, when I began my work to immortalize the best matches. Reading and studying the history of football fan I was always more to the epic exploits of samples such as Di Stefano, Puskas, Pele, Rivera, Cruyff, Maradona … and so I began a long and laborious collection of games, “historical” discovering legendary episodes of international football that I had never heard of, but simply outstanding. This my review is not intended as a ranking of the best matches, also because the benchmark for a game can really be very subjective, but rather a sharing with the reader to relive the excitement of big games as they were great movies, or concerts unforgettable with all the enthusiasm and the transport of those who are witnessing something magical.

I tried to select games with my test, which has as its first possession cutoff point of this game in my personal collection: all games have been reviewed, I have seen all (or how I managed to recover through vintage movies) several times. Anyone could find in my selection of even outstanding deficiencies, I find normal that everyone has his own yardstick, often influenced by typhus and nationality, I have tried to enhance both the historic importance of the event that the emotion, the presence of great goals and the best performances of the great of all time, but also the most sensational surprises that make football the beautiful game in the world, precisely because each result is not impossible regardless of the values in the field. These are my football legend, and not all will be shared, but I tried to collect them in chronological order so as to propose a real historical background based on the most important moments of the sport. For every game I have proposed the match with the training and my grades to the players and the referee, as well as the details of game always framed in its historical context-sports to provide a complete picture of the reader. We are now ready to depart on a long journey through time and space, Maracana Stadium in Rio de Janeiro, July 16, 1950, hundreds of other amazing events that followed.
Massimo Bellingardi